Il presidente Spirlì, il commissario Longo e il sindaco Abramo
Indietro