Regione calabria - Portale- Programmazione nazionale e comunitaria

Calabria - La Regione per Te

Vai al contenuto

Sei in: Home > Unita di Governo e Supporto > Ufficio stampa > Agenzia Calabria Notizie > Programmazione nazionale e com > vista documento

Comitato sorveglianza POR, Oliverio:"procediamo nella giusta direzione"

Programmazione - Unical, 10/07/2018

la seduta del comitato di sorveglianza

Si è tenuta presso la sala University Club dell’Università della Calabria la quinta seduta del Comitato di sorveglianza POR Calabria FESR FSE 2014/2020, convocata dal presidente della Regione Mario Oliverio. La riunione con il partenariato istituzionale, economico e sociale ha avuto al centro dei lavori l’analisi dello stato di avanzamento del Programma operativo sviluppando specifici focus, a cura dei Dipartimenti regionali competenti: depurazione; progetto di collegamento Aeroporto Lamezia - stazione - Catanzaro lido; Strategie territoriali; prevenzione del rischio sismico negli edifici scolastici.

Presentate inoltre le informative sulla revisione del performance framework del POR e del piano finanziario degli Assi 1-3-4, sull'attuazione della IOG nel territorio, sulla valutazione ex ante degli strumenti finanziari e sulle attività di audit. Ampio spazio, ancora, sull’analisi dell'attuazione del nuovo ciclo di programmazione sull’esame dello scambio elettronico dei dati, del Piano di Rafforzamento Amministrativo, della revisione Piano delle valutazioni e della Strategia di comunicazione.

La seduta del Comitato è stata aperta dai saluti del Rettore dell'Unical Gino Mirocle Crisci che ha espresso soddisfazione per ospitare all'interno del Campus un'assise così importante, sottolineando il rapporto sinergico tra territorio, le università e la Regione, un esempio di come "si possa lavorare insieme per ottenere risultati, quale quello certificato dal CENSIS che classifica l'Unical nell’edizione 2018-2019 al secondo posto tra i grandi atenei statali".

Spazio, quindi, dopo un breve saluto portato anche del sindaco di Rende Marcello Manna, per la puntuale relazione del presidente Oliverio che ha ampiamente riferito, corredando con i dati di riferimento, l'impegno della Regione nei vari settori di intervento, gli obiettivi da raggiungere e raggiunti, le risorse impiegate.

"La spesa che certificheremo alla Commissione entro il prossimo 31 luglio - ha affermato Oliverio - supera i 200 milioni di euro, pertanto possiamo già annunciare il superamento del target intermedio spesa pari a 173 milioni di euro”. “Con orgoglio sottolineo - ha proseguito - che ormai ci siamo abituati a queste performance e abbiamo lasciato definitivamente alla spalle l’idea di una Regione tra le ultime in classifica, che per troppo tempo ci ha contraddistinto. Stiamo quindi procedendo nella giusta direzione e con il giusto ritmo, ma dobbiamo continuare con la stessa intensità anche nella seconda parte dell’anno: da ora a dicembre abbiamo l’obiettivo di produrre mediamente spese per 30 milioni al mese (dalla precedente riunione di Comitato l’incremento è stato in media di circa 20 milioni al mese) e di raggiungere gli obiettivi realizzativi che ci siamo prefissati, perché la spesa ha senso se è una buona spesa e se porta risultati ai cittadini calabresi".

"La riprogrammazione che questo Comitato ha appena approvato in procedura scritta - ha rafforzato al riguardo - ci consente di avere indicatori di output maggiormente rappresentativi delle azioni avviate e in linea con i nuovi dati Istat, nonché una programmazione adeguata alle nuove disposizioni sul credito di imposta. Il frutto del nostro impegno si vede nel fatto che abbiamo attivato oltre l’80% delle risorse disponibili grazie a circa 40 avvisi pubblici, di cui la metà già chiusi con graduatoria definitiva" ha messo in rilievo il presidente Oliverio che ha comunque voluto richiamare l' esistenza di difficoltà a cui - ha auspicato - si possa dare soluzione in sinergia con le varie parti sociali, nell'ambito di un confronto nell'ambito del quale proprio la seduta del Comitato di Sorveglianza rappresenta un punto di rilevo. “Le difficoltà sono tante, e spero che nel corso della riunione emergano chiaramente anche i fattori di debolezza a cui insieme dobbiamo trovare soluzione, penso ad esempio a nuove immediate risposte in termini di inclusione sociale per i soggetti che versano in condizioni di povertà e disagio, con una spinta più decisa sull’attuazione dell’Asse Inclusione Sociale. Conforta il fatto - ha concluso - che i quasi 500 beneficiari pubblici (scuole, Comuni, Parchi, etc), le oltre 700 aziende, i quasi 5.000 studenti che beneficiano delle azioni su scuola e università stanno creando – anche grazie al nostro e al vostro impegno – condizioni migliori per loro stessi e per il territorio calabrese".

"Sono emerse note positive dai risultati illustrati dal presidente Oliverio, come le azioni riguardanti il diritto allo studio. Un fatto particolarmente importante per questa regione, sia per gli studenti che per la crescita del territorio. Sull'attrazione alle imprese invece si può fare ancora di più" ha messo in evidenza Francesco De Rose, della Commissione Europea, rimarcando la trasparenza adottata dalla Regione Calabria "sottolineata dall'alta partecipazione ai lavori e dal continuo aggiornamento del portale Calabria Europa. Il Programma operativo - ha affermato - è in linea con il trend nazionale. Bisogna procedere così, come è stato fatto per la messa in sicurezza delle scuole, per il potenziamento infrastrutturale della tratta Aeroporto Lamezia-Stazione ferroviaria Catanzaro Lido, per il rafforzamento della capacità amministrativa".

Egidio Campoli, della Commissione europea, soffermandosi sullo stato di attuazione del Fondo sociale europeo, ha poi dichiarato: "I dati rispetto al FESR hanno un valore basso. Non sono risultati soddisfacenti considerando il bacino di utenza e i numeri su disoccupati e Neet. Bisogna quindi intercettare i bisogni del territorio in tempi certi che sono troppo lunghi tra il lancio del bando e la selezione del beneficiario. Mi auguro che quanto annunciato si traduca in azioni concrete".

Il lavoro importante fatto dalla Regione sulla riprogrammazione dei fondi è stato quindi evidenziato nel corso del Comitato di Sorveglianza da Giuseppina Meli del Dipartimento Coesione della Presidenza del Consiglio dei Ministri, mentre Felicia Di Nardo dell'Agenzia della Coesione Territoriale ha riconosciuto la qualità degli interventi regionali, soffermandosi sull'importanza del 2018 quale anno fondamentale per misurare i risultati del Programma. Alessandro Lepidini dell'Anpal ha fornito alcune osservazioni sull’asse inclusione sociale, manifestando la disponibilità ad un lavoro congiunto sull’attuazione degli interventi relativi.

A presentare nel dettaglio lo stato di avanzamento del Programma è stata Paola Rizzo, Autorità di Gestione del POR 2014/2020, che ha coordinato la seduta del Comitato di Sorveglianza. Le procedure attivate ammontano al 83 % (1,9 miliardi di euro) della dotazione complessiva, mentre la previsione di spesa del POR entro il 31 dicembre 2018 equivale a 443 milioni di euro (390 milioni di euro su FESR e 53 milioni di euro su FSE). L'Autorità di Gestione ha delineato, tra le altre cose, le procedure concluse e in corso della Regione per sostenere il sistema produttivo e per potenziare gli interventi di carattere infrastrutturale.

Di particolare interesse la relazione esposta dall’Autorità di Audit, Roberta Porcelli, per il cui lavoro è stato espresso apprezzamento dai rappresentanti della Commissione Europea.

Nel corso dei lavori sono giunti diversi contributi dal Partenariato che hanno ribadito il loro giudizio positivo sullo stato di attuazione del Programma che consente l'attivazione di un volume importante di risorse e il coinvolgimento delle parti interessate nelle fasi di programmazione. Tra i vari contributi è emersa l'accelerazione delle procedure dei bandi e una maggiore attenzione sull'efficacia delle azioni a favore dell'occupazione.

La seduta si è conclusa con l’elencazione da parte dell’Autorità di Gestione degli impegni assunti per superare gli elementi di criticità evidenziati nel corso della discussione e condivisi con i rappresentanti della Commissione Europea e delle istituzioni nazionali presenti al tavolo.  mdv

 

la seduta del comitato di sorveglianza la  seduta del comitato di sorveglianza

aggiornato il 10 luglio 2018 alle 16:19
documento consultato: 267 volte

Indietro